09
Lug

Presentato il Progetto M.IN.E.R.V.A. – “Droni che annusano l’aria” presso il Comune di Soleto

Si è tenuta ieri pomeriggio, presso la Sala Consiliare del Comune di Soleto, la presentazione dell’importante progetto M.IN.E.R.V.A. – “Droni che annusano l’aria”, che ha visto il co-fondatore di AR dream Andrea Spedicati protagonista della descrizione progettuale.

 

In sinergia con la Scuola Superiore ISUFI (Istituto Superiore Universitario di Formazione Interdisciplinare), Progetto Azienda, Frontiere21 S.r.l., Comune di Soleto e Comune di Patu’, AR dream contribuirà alla realizzazione dell’idea in toto, dalla fase di analisi e comprensione dell’utenza finale, passando per la prototipazione e personalizzazione delle soluzioni, test, sperimentazione, e definizione del modello economico.

 

Il progetto

droni che annusano l'aria

In particolare, l’acronimo M.IN.E.R.V.A. corrisponde a “Metodologie Innovative per l’Evoluzione e la Rilevazione di sostante odorigene Volatili nell’Aria”.

Il progetto regionale Innolabs nasce come soluzione smart, economica ed efficiente rispetto al problema del disporre di strumenti di supporto per il monitoraggio della qualità dell’aria, nato sia a seguito di segnalazioni da parte della cittadinanza di condizioni di disagio olfattivo, sia per la misurazione della concentrazione di specifici inquinanti risultanti da attività produttive o discariche.

Tutto questo sarà possibile grazie all’ ideazione e alla produzione di droni intelligenti che saranno in grado, alzandosi a una certa altezza, di “annusare” l’aria e monitorarne così la qualità, riportandone gli elementi che la compongono e permettendo così di soddisfare il fabbisogno manifestato da numerosi enti pubblici e da diversi soggetti del sistema socio-economico regionale.

La soluzione consiste dunque nell’ implementazione del sistema mobile di monitoraggio della qualità dell’aria che integra in maniera intelligente alcune tra le più promettenti tecnologie di punta della rivoluzione industriale 4.0.

 

Obiettivi strategici

Alla base, l’idea di innescare un nuovo percorso di sperimentazione di metodologia Living Lab,  orientato a sperimentazioni che siano frutto di ricerca e sviluppo verso contesti di vita reale, dove cittadini e utenti diventano essi stessi co-sviluppatori.

I destinatari sono infatti amministrazioni pubbliche, esperti, soggetti economici, popolazione e media.

Per AR dream il progetto rappresenta una valida opportunità di crescita e diffusione del proprio know-how e delle proprie competenze in campo innovativo e tecnologico, oltre che ad un’opportunità di crescita e confronto con altre realtà.

 

Scopri la nostra realtà,

Contattaci!